L’integrazione di ossigeno è antitumorale

L’ipossia è una delle cause del male

Diversi studi dimostrano che l’integrazione supplementare di ossigeno, sia che avvenga per inalazione, sia che avvenga per assimilazione da un integratore, sono in grado di inibire l’accumulo di adenosina legata all’ipossia, indebolendo l’immunosoppressione, che a sua volta è capace di migliorare l’immunoterapia antitumorale e ridurre le dimensioni della neoplasia scatenando linfociti T antitumorali e cellule natural killer.

Un team di ricerca della Northeastern University ha dimostrato che, all’interno del microambiente tumorale, l’integrazione dell’ossigenazione è anti tumorale. Si tratta di un metodo che può essere implementato in modo rapido testando gli effetti dell’ossigenazione in combinazione con diversi tipi di immunoterapia.

Molti studi portano tutti alla stessa conclusione: la carenza di ossigeno favorisce la mutazione genetica delle cellule ed anche la crescita incontrollata delle cellule tumorali. Uno di questi studi è stato da poco pubblicato su: Journal of Molecular Cell Biology.   In questo studio i ricercatori hanno individuato nel gene HIF1A un indicatore biologico del livelli di ossigeno nelle cellule. Più era presente questo biomarker, minore era il livello di ossigeno nelle cellule tumorali. L’idea è dunque quella di trovare dei metodi per prevenire l’ipossia delle cellule in modo da prevenire e trattare il cancro come non si è mai fatto fino a ora.

I tumori solidi contengono generalmente aree con anormalmente bassi livelli di ossigeno , tali aree sono ipossiche . È noto da tempo che le cellule tumorali in tali microambienti ipossici sono resistenti al trattamento. Recenti ricerche hanno inoltre dimostrato che l’ipossia nei tumori è uno dei principali fattori di diffusione metastatica del cancro , la principale causa di morte per malattia . Così , l’ipossia è responsabile di un duplice effetto di ridurre il potenziale di un trattamento efficace per il paziente affetto da tumore: aumenta la resistenza al trattamento e inoltre aumenta la proliferazione. Per saperne di più: www.metoxia.uio.no/

CELLFOOD

Scelto Per Voi:

CELLFOOD - Ossigeno per la vita

L’integratore nutrizionale
ANTIOSSIDANTE a base di OSSIGENO,
oligoelementi ed amminoacidi, per combattere
l’invecchiamento, lo stress fisico, psichico ed ambientale.
CELLFOOD

Ci sono 5 differenze basilari tra il CELLFOOD e altri tipi di terapie all’ ossigeno:

1. La fonte dell’ ossigeno disintossicante. IL CELLFOOD non ne contiene grosse quantità solo una piccola parte nei leganti chimici del prodotto in sé. Questo non è un’ inconveniente, ma un vantaggio. Infatti il CELLFOOD non apporta ossigeno
direttamente al nostro corpo ma usa quest’ ultimo come un serbatoio, rilasciando ossigeno per ore e utilizzando l’ acqua già a disposizione nell’ organismo. L’ azione è simile a quella svolta dal sistema immunitario quando crea il proprio Perossido di Idrogeno, H2 O2, lo scinde quando ne ha bisogno creando acqua e rilasciando l’ ossigeno in surplus per distruggere le tossine e i microbi, H2 O2 >H2 O+O1.

Considerando che il corpo regolarizza le reazioni del CELLFOOD, questo produrrà di conseguenza l’ ossigeno nascente richiesto, ma solo quando e dove c’è necessità: ecco perché una persona con un livello tossico molto alto ne riceverà grosse quantità mentre una persona pulita, con un livello efficiente d’ ossigeno avrà solo la quantità di cui ha bisogno. La vita conosce il modo migliore per sostenersi e il nostro Dna ha il programma perfetto per la nostra salute. E’ incredibile ciò che il corpo può fare per se stesso se rifornito solo e unicamente di materiali puri e naturali.

2. I pochi effetti collaterali delle varie ossigeno-terapie. Gli elementi che normalmente si aggregano in composti tossici, cessano di essere pericolosi in presenza di CELLFOOD. Nel corso di un periodo predeterminato, questi composti vengono scissi e conseguentemente espulsi dal corpo, senza gli effetti collaterali della disintossicazione che sono tipici di altre terapie all’ ossigeno. Negli altri tipi di terapie : ossigeno, perossido, ozono, ecc., le grosse quantità di ossigeno implementate, tendono a bruciare o ossidare all’ istante e all’ applicazione tutti i composti tossici con i quali vengono a contatto, come se il ripristino dei tessuti dovesse procedere solo e unicamente verso l’ esterno, diffondendosi dal punto d’ applicazione. L’ approccio :” brucia , poi niente”, lascia dietro di sé residui tossici parzialmente bruciati, che dovranno essere espulsi in un secondo tempo. Nel momento in cui questi lasciano il corpo, tendono ad irritarlo causando mal di testa, gonfiori , febbre, nausea, dolori, ecc.

3. IL CELLFOOD, rilasciando ossigeno in modo graduale e raggiungendo l’ attività massima dopo 6/12 ore ( con 3 fasi di assunzione ), fa si che un flusso a cascata d’ ossigeno sia rilasciato ininterrottamente. IL CELLFOOD si diffonde nell’ organismo ancor prima di essere utilizzato; reagisce a contatto con i tessuti più vicini, quindi innesca una reazione catalitica e quasi auto – perpetuatrice . Ciò fa si che le tossine e i microbi vengano bruciati più lentamente e completamente, senza gli irritanti effetti collaterali . Parlando di effetti collaterali, se si paragonano questi a quelli dei medicinali tradizionali, il CELLFOOD è particolarmente benigno, e, se usato correttamente,non produce nessun effetto tossico. Chi lo assume gradualmente, fino ad arrivare alle 25 gocce ( ? ) 3 volte al giorno, afferma generalmente di riscontrare solo una maggiore sonnolenza e / o un sonno più profondo durante il primo periodo di disintossicazione.

Naturalmente questo schema di rilascio graduale di ossigeno, include un flusso regolare dei minerali in forma ionica, degli enzimi, degli aminoacidi e delle sostanze nutritive e ioni di idrogeno ad ogni parte del corpo, che sono essenziali per la riparazione del corpo e la ricostruzione del sistema immunitario. Il corpo ricostruisce sé stesso ogni 11 mesi . Prendendo
il CELLFOOD ogni giorno per 11 mesi, verrà rifornito di tutte le sostanze nutritive e gli alimenti a lui necessari per ripristinarsi. Ovviamente si dovrebbe integrare anche una dieta sana.

Una disponibilità rapida di idrogeno, minerali, minerali in traccia, enzimi, e aminoacidi per la costruzione di tessuti e cellule.

Il corpo necessita un apporto continuo di idrogeno nascente, minerali, minerali in traccia , enzimi ed aminoacidi per ripararsi. Le nostre attuali fonti alimentari non riescono ad apportarne quantità adeguate. IL CELLFOOD usa l’ acqua del nostro corpo, la scinde per formare idrogeno e ossigeno che poi rilascia. Ma, non solo rilascia l’ossigeno come tutte le altre terapie simili, ma diffonde a differenza di queste terapie, anche l’ idrogeno nascente. L’ organismo ha bisogno di idrogeno per riparare e ricostruire il sistema immunitario, gli organi, la struttura e le cellule. CELLFOOD rilascia anche una scarica di ioni, proteine aerobiche, aminoacidi ed enzimi, minerali elementari in traccia, elettroliti e ossigeno disciolto.

4. La confezione convenienza in formato ridotto. IL CELLFOOD rilascia l’ ossigeno invece di contenerlo, di conseguenza viene fornito in un formato ridotto rispetto alle altre terapie. Per via della formula a rilascio graduale, il CELLFOOD ha più impatto dei suoi concorrenti voluminosi. Le dimensioni ridotte permettono al consumatore di mettere la boccetta direttamente nella borsetta o in tasca, e di usarla durante la giornata in tutta comodità. Non ci sono contenitori voluminosi, niente miscelazioni complicate o visite cliniche quando si usa il CELLFOOD !!

5. Ci sono altri prodotti che affermano di apportare elettroni o forza vitale al corpo, il CELLFOOD ha tutto ciò, oltre che ossigeno, idrogeno, aminoacidi, enzimi e minerali. Un prodotto di grande convenienza.

E’ così facile avere tutti questi benefici. Bastano alcune gocce di CELLFOOD nell’ acqua ogni giorno e, se preso con costanza ( almeno per un paio di mesi per ottenere il massimo dell’ effetto ) rimarrete stupiti dai processi di disintossicazione e di ricostruzione !!

Non dimentichiamo che IL CELLFOOD è stato testato, è usato da medici e gente comune da anni e il suo uso ha generato migliaia di testimonianze positive . Buon ossigeno !!!

Non è un farmaco atto a curare le malattie è un integratore alimentare qualsiasi malattia o disturbo della salute deve essere trattato da un medico di comprovata esperienza.

GUIDA AL CELLFOOD®
INTRODUZIONE

Ai fini di aiutare a comprendere meglio i benefici che CELLFOOD® riesce a dare, abbiamo creato questa guida informativa, divisa in 4 sezioni principali.

  1. Perché abbiamo bisogno di CELLFOOD®?
    2. Cos’è CELLFOOD®?
    3. Come funziona CELLFOOD®?
    4. Cos’altro può fare CELLFOOD®?

DEDICA

Dedichiamo questa guida a Jerry Rothen, che ha conosciuto Everett Storey ed ha avuto la lungimiranza di comprarne la piccola compagnia dopo la sua morte. Successivamente, insieme alla sua famiglia, ha dedicato molta della sua energia e dedizione per la creazione della Deutrel Industries Corporation e della Nu Science Corporation per dare al mondo straordinari prodotti del 21° secolo come CELLFOOD®. Dedichiamo questa guida anche a Jeff Levin che ci ha fatto conoscere CELLFOOD® in Sud Africa ed è fonte continua di sostegno e supporto per tutti noi. Infine dedichiamo questa guida a tutti i nostri distributori che aiutano un gran numero di persone ad acquisire uno stile di vita migliore utilizzando quell’affascinante integratore che è CELLFOOD®.

IL PRINCIPIO FONDAMENTALE

Leggendo questa guida, comprenderete che il principio fondamentale che è alla base del nostro approccio alla salute è che Colui che ci ha creato ha progettato il nostro corpo in modo da far sì che sia in grado di ricostruirsi, disintossicarsi, proteggersi, rinforzarsi e riequilibrarsi da solo, purché riceva le dovute cure e le sostanze nutritive di cui ha bisogno.
Nel 500 a.C. Ippocrate disse “lasciate che il cibo sia la vostra medicina e la medicina sia il vostro cibo.”
CELLFOOD® è un integratore alimentare che è in grado di fornire le sostanze nutritive essenziali necessarie a migliorare la nostra vita.

Vi ringraziamo per il vostro interesse e il vostro sostegno, possiate sempre avere successo e salute.
INDICE

  1. PERCHÉ ABBIAMO BISOGNO DI CELLFOOD®?

1.1 Introduzione – La situazione attuale
1.2 Ossigeno
1.3 Acqua
1.4 Minerali
1.5 Enzimi
1.6 Aminoacidi

  1. CHE COS’E’ CELLFOOD®?

2.1 Introduzione
2.2 Da cosa nasce CELLFOOD®?
2.3 Che riconoscimenti ha ottenuto CELLFOOD®?
2.3.1 Food and Drug Administration (F.D.A.)
2.3.2 International Hall of Fame
2.3.3 Japanese Report
2.3.4 Rapporto su CELLFOOD®
2.4 Cosa contiene CELLFOOD®?
2.5 Qual è il suo grado di purezza?
2.6 CELLFOOD® è una medicina?
2.7 Per quanto tempo si conserva CELLFOOD®?

  1. COME FUNZIONA CELLFOOD®?
    3.1 Come viene assorbito CELLFOOD® dal corpo?
    3.2 In che modo CELLFOOD® fornisce ossigeno?
    3.3. Che differenza c’è tra CELLFOOD® e gli altri prodotti a base d’ossigeno?
    3.4 In che modo CELLFOOD® equilibra il corpo?
    3.5 Che cosa succede all’idrogeno nascente?
    3.6 Come va assunto CELLFOOD®?
    3.7 Qual è il dosaggio ottimale di CELLFOOD®?
    3.8 Quando si deve prendere CELLFOOD®?
    3.9 Con che frequenza?
    3.10 Cosa accade quando prendo CELLFOOD®?
    3.11 Cosa accade se non si hanno risultati?
    3.12 Chi può trarre beneficio da CELLFOOD®?
  2. Che cosa altro ancora può fare CELLFOOD® per me?
    4.1 Il Sistema Immunitario
    4.2 In associazione ad altri prodotti
    4.3 Uso in caso d’emergenza
    4.4 Produzione di energia: l’Adenosina Trifosfato (ATP)
    4.5 Evidenziare la debolezza
    4.6 Applicazioni per uso topico e altri prodotti per la cura della pelle
    4.7 Animali e Piante
  3. Perché abbiamo bisogno di CELLFOOD®?

1.1 Introduzione – La situazione attuale

Ogni giorno:
respiriamo aria inquinata;
beviamo acqua e altri liquidi contaminati con scorie nocive, oppure che contengono sostanze chimiche e additivi dannosi;
mangiamo cibi privi di minerali, trattati, stracotti e con un contenuto eccessivo di grassi, conservati e preparati con sostanze chimiche nocive ed additivi;
fumiamo e beviamo alcool in eccesso;
facciamo poco esercizio fisico.

Questo “mondo moderno” appesantisce il nostro corpo di tossine e di scorie acide che rallentano il metabolismo e indeboliscono il sistema immunitario, così da farci perdere gradualmente la capacità di proteggerci dalle malattie e dall’invecchiamento.

Oltre agli effetti dannosi provocati da questi fattori fisici, ve ne sono altri di origine psicologica ed emozionale a cui siamo sottoposti ogni giorno. Viviamo e lavoriamo in condizioni sempre più stressanti: traffico caotico, lavori impegnativi, relazioni famigliari problematiche, incertezza economica, criminalità, difficoltà personali e così via.

Poiché tutto ciò ha un impatto deprimente sulla qualità della nostra vita, oggi più che mai abbiamo bisogno di qualcosa di speciale che ci aiuti ad affrontare lo stress cui siamo sottoposti ogni giorno. Abbiamo bisogno di qualcosa che ci purifichi costantemente dalle tossine dannose e dalle scorie accumulate nel nostro organismo, che ripari il danno a livello cellulare, che ricostruisca il nostro corpo, rafforzi il sistema immunitario e ci dia equilibrio a livello fisico, elettromagnetico, biologico e chimico.

1.2 Ossigeno

Quando gli scienziati analizzarono il contenuto di ossigeno delle bolle d’aria rimaste intrappolate nelle profondità del ghiaccio dell’Antartico, scoprirono che l’atmosfera terrestre conteneva una percentuale di ossigeno compresa tra il 38 ed il 50%. Nel corso degli anni, l’aumento dell’inquinamento, la distruzione su larga scala delle foreste pluviali e la riduzione di altri produttori naturali d’ossigeno, hanno causato una riduzione del livello d’ossigeno presente nell’atmosfera da oltre il 38% a livelli inferiori al 20%, soprattutto nelle aree densamente popolate ed industrializzate.

Poiché il nostro organismo non è in grado di sopravvivere in presenza di bassi livelli di ossigeno (con percentuali inferiori al 20%), le tossine dannose si accumulano nelle cellule, nei tessuti, negli organi e nel sangue. In presenza di un livello di ossigeno pari al 6% si verificano l’asfissia e la morte. In alcune delle città più industrializzate dove il contenuto di ossigeno dell’aria è inferiore al 16%, le famiglie non lasciano uscire i loro figli per lunghi periodi, perché potrebbero avere danni respiratori. Nelle città sempre più industrializzate, sono stati aperti degli « oxygen bar », dove le persone che soffrono per carenza d’ossigeno possono incrementarne l’assunzione.

Possiamo vivere per settimane senza cibo, per giorni senza acqua, ma solo pochi minuti senza ossigeno! Mentre state seduti a leggere questo manuale, potreste vivere per almeno un’ora senza mangiare o bere, ma se smetteste di respirare, cadreste dalla sedia e morireste entro 5 minuti.

Oggi è evidente che l’essere umano lavora sempre meno efficacemente a causa di una crescente carenza d’ossigeno. La deficienza cronica di ossigeno a livello cellulare porta all’accumulo di tossine dannose e di scorie metaboliche nel nostro organismo, creando un terreno fertile per batteri, virus ed altri agenti patogeni. Questo stato anaerobico può provocare la mutazione cellulare. Il dr. Otto Warburg, per due volte Premio Nobel, ha affermato che: ”la causa principale del cancro è il passaggio delle cellule da una normale respirazione a base di ossigeno ad una di tipo anaerobico”.

L’ossigeno è essenziale perché è il principale agente purificatore in grado di ossidare le tossine e le scorie del corpo facendo sì che questo possa espellerle efficacemente attraverso i normali canali d’eliminazione (come respirazione, traspirazione, urina e feci.)

Abbiamo bisogno dell’ossigeno per vivere, per rimanere sani e per avere energia; ed a causa dell’inquinamento e dello stile di vita del mondo moderno, necessitiamo di qualcosa di semplice ed efficace che possa fornirci maggiori quantità d’ossigeno, in modo che il metabolismo divenga sempre più aerobico bruciando l’accumulo di scorie nei nostri corpi.

CELLFOOD® è un integratore alimentare meraviglioso ed unico, perché fornisce al corpo un apporto controllato di ossigeno a livello cellulare dove ve n’è bisogno.

1.3 Acqua

Oltre all’ossigeno abbiamo bisogno dell’acqua per vivere. Sfortunatamente la crescita dell’inquinamento nel nostro mondo rappresenta un fattore nocivo per l’acqua da bere. Prodotti chimici dannosi come il mercurio, il piombo, l’arsenico, il cianuro, l’alluminio, ed il fosforo penetrano quotidianamente nel sistema idrico. Altri prodotti chimici pericolosi e tossici, come cloro e fluoro, vengono aggiunti all’acqua per ridurre i microrganismi dannosi. Tutti questi elementi si aggiungono alle tossine che il nostro corpo deve espellere.

Per depurare e nutrire le nostre cellule, abbiamo bisogno ogni giorno di una quantità di acqua che oscilla da un litro e mezzo fino a quattro litri, acqua che possiamo ricavare dai liquidi e dai cibi che assumiamo. La disidratazione ostacola le funzioni del corpo perché vengono rimosse meno tossine e perché vengono fornite al corpo – ed in particolar modo al cervello – una quantità minore di ossigeno e di elementi nutritivi.

Per avere una buona acqua potabile dobbiamo purificare, filtrare o distillare l’acqua prima di berla. Non basta bollirla perché anche se in questo modo vengono uccisi gli agenti patogeni, si ottiene una elevata concentrazione degli agenti inquinanti. Il vapore che fuoriesce dalla pentola in ebollizione dovrebbe essere distillato per diventare potabile. In più distillare, purificare o filtrare l’acqua può eliminare minerali che potrebbero essere utili al corpo, perciò, oltre a bere acqua di buona qualità, dobbiamo essere certi di assumere una quantità sufficiente di minerali essenziali dal cibo o dagli integratori a base di minerali.

1.4 Minerali

Noi siamo stati creati dalla terra ed il risultato di milioni di reazioni biochimiche, pertanto abbiamo bisogno, nelle giuste quantità e proporzioni di minerali per ottenere le performance ottimali di ogni cellula del nostro corpo. Ma, in aggiunta ai tanti problemi del nostro mondo, dobbiamo tenere presente anche il fatto che il suolo sta diventando sempre più carente dei minerali essenziali. Rispetto a cento anni fa, molti tipi di frutta e verdura hanno, oggi, meno di 12 minerali rispetto ai 70 di cui l’essere umano necessita per un corretto funzionamento.
Abbiamo bisogno di minerali per una appropriata composizione dei fluidi corporei, per la formazione del sangue e delle cellule delle ossa e per il sano e corretto mantenimento del sistema nervoso. La mancanza di un singolo minerale nella nostra alimentazione può causare problemi mentali e fisici.
Dobbiamo pertanto prendere coscienza del valore nutritivo di ogni tipo di cibo e mangiare nel modo più corretto possibile. Siamo tutti consapevoli dell’importanza del calcio nella nostra alimentazione per rafforzare le ossa e i denti; tuttavia, a causa della grave carenza di minerali nel cibo che mangiamo, la maggior parte di noi ha bisogno di assumere integratori per supplire a questa mancanza riuscendo così ad ottenere la performance ottimale del nostro organismo.
CELLFOOD® è notevole fornisce al corpo 78 oligoelementi e minerali di cui abbiamo bisogno.

1.5 Enzimi

Affinché il corpo tragga sostanze nutritive preziose dal cibo è necessario che quest’ultimo sia digerito e metabolizzato nel modo giusto.

Gli enzimi digestivi sono responsabili della digestione. Un esempio è l’amilasi, che scinde i carboidrati. Gli enzimi metabolici invece contribuiscono a catalizzare le varie reazioni chimiche all’interno delle cellule, come la produzione d’energia e la disintossicazione. In questo modo collaborano alla costruzione del corpo, traendo sostanza dalle proteine, dai carboidrati e dai grassi. Un esempio è la catalasi, che scinde il perossido d’idrogeno presente nel corpo e libera più ossigeno rendendolo così disponibile per l’organismo.

Sfortunatamente, ancora una volta, il nostro stile di vita moderno ha un impatto negativo su questi importanti enzimi: questi ultimi infatti sono estremamente sensibili al calore e vengono distrutti da temperature superiori a 50°. Dato che cuociamo (e spesso eccessivamente) i cibi, dobbiamo mangiare una maggior quantità di verdura e frutta cruda per incrementare l’apporto di enzimi.

CELLFOOD® fornisce 34 enzimi, come ad es. l’amilasi e la catalasi..

1.6 Amminoacidi

Affinché il corpo possa usare il cibo che mangiamo, necessita di amminoacidi che gli forniscano le proteine necessarie. Anche se può sembrare strano, le proteine che il corpo usa non provengono direttamente dal cibo che mangiamo. La proteina alimentare viene prima decomposta in amminoacidi che il corpo successivamente utilizza per formare le proteine specifiche, gli ormoni, gli anticorpi ed i neuro trasmettitori di cui ha bisogno.

CELLFOOD® fornisce 17 amminoacidi preposti a queste funzioni.

Pertanto, poiché il nostro organismo soffre per la mancanza di così tanti elementi essenziali (ossigeno, minerali, enzimi, amminoacidi), CELLFOOD® è una necessità quotidiana per una vita salutare.

2 CHE COS’E’ CELLFOOD®

2.1 Introduzione

CELLFOOD® è un prodotto del 21° secolo in forma liquida. E’ estremamente concentrato e carico di energia e grazie alla sua particolare formulazione, viene rapidamente assorbito dal corpo cominciando già dopo pochi minuti dalla sua assunzione a purificare, costruire, rigenerare e riequilibrare il nostro corpo.

2.2 Da cosa nasce CELLFOOD®?

Il genio ed inventore di CELLFOOD® è Everett Storey, due volte premio Nobel, che lavorò al “Manhattan Project” in America. Si trattava di un progetto top secret di cui ancora oggi si sa molto poco. Albert Einstein attribuì a Storey il merito di aver brevettato la “tecnica di scissione dell’acqua” e sulla base delle sue ricerche fu realizzata la bomba all’idrogeno.
In seguito all’esposizione alle radiazioni, le persone che avevano lavorato al progetto cominciarono a morire ed anche E. Storey ne subì gli effetti: all’inizio degli anni ‘50 perse ben 30 kg.

Storey cominciò quindi a lavorare per salvaguardare la propria vita e dare all’umanità qualcosa di utile. Nel 1965 inventò un prodotto a base di deuterio che chiamò “CELLFOOD” o “Liquid Life”. Per realizzare la formula di “CELLFOOD”, Storey sfruttò il lavoro del Dr. Harold Urey che nel 1932 aveva scoperto il deuterio (il solo isotopo non radioattivo dell’idrogeno), successivamente tenuto segreto dato il suo ruolo nella realizzazione della bomba all’idrogeno ed il suo utilizzo come carburante per i viaggi nello spazio.

Storey trascorse gran parte della sua vita studiando gli incredibili effetti benefici del deuterio sulla salute, grazie ai quali riuscì a mantenersi in vita fino all’età di 74 anni, nel 1984.

2.3 Che riconoscimenti ha ottenuto CELLFOOD®?

2.3.1. Food and Drug Administration (F.D.A.) Nel gennaio 1978, Everett Storey fece domanda per la registrazione presso la F.D.A. di CELLFOOD® (noto anche come Deutrosulfazyme). Sul modulo che ne descriveva la composizione farmaceutica lo descrisse come segue: “color champagne, che diventa ambra col passare del tempo, ma invece di perdere potenza migliora anno dopo anno”.

Nella la sezione “ Effetti terapeutici” dichiarò che:

  • aiuta materialmente nel processo digestivo
    • collabora alla pulizia dell’intestino superiore ed inferiore e ripristina le funzioni intestinali
    • permette al flusso sanguigno di fornire direttamente ad ogni cellula del corpo un minimo di 78 elementi assimilabili per un completo e giusto nutrimento
    • fornisce un flusso costante di ossigeno e di idrogeno a tutte le parti del corpo, ottenendo il fino ad allora “impossibile” risultato della simultanea ossidazione e riduzione all’interno della cellula.

Nel 1985 il governo americano approvò la legge sulla liberalizzazione del deuterio (DEUTERIUM FREEDOM ACT) in cui veniva dato riconoscimento ufficiale al lavoro sorprendente di Everett Storey ed al suo prodotto “CELLFOOD”, (registrato come Deutrosulfazyme dal dipartimento americano della salute nel 1978 quando Storey fece richiesta per la registrazione presso la F.D.A.).

Nell’atto di liberalizzazione del deuterio, alla sez. 2 (b) riga 15 si afferma “ il Deuterio è in grado di dare forma a tutti gli altri elementi ed è il nucleo dell’universo. Le ceneri dell’idrogeno costituiscono l’acqua. L’idrogeno pesante combinato con l’acqua diventa acqua pesante (Ossido di Deuterio).” Nella riga 25 si afferma: “poiché il deuterio ha la capacità di accelerare il processo digestivo, aiuterà i pazienti a trarre vantaggio dal cibo che consumano; ed allo stesso tempo ridurrà la tossicità nel flusso sanguigno. Il Deutrosulfazyme è un normalizzatore sistemico. Non c’è da stupirsi che venga chiamato “LIQUID LIFE” (“Vita Liquida”) o “CELLFOOD” (“Cibo per la Cellula”)”.

Nel 1995, in seguito alla modifica della legislazione americana, CELLFOOD® è stato classificato come integratore alimentare e non come medicina brevettata. Fino a quel momento, più di due milioni di dollari erano stati spesi in test clinici, e CELLFOOD® era disponibile solo “a scopi di sperimentazione”. Dopo il 1995 è stato messo a disposizione di tutti.

2.3.2 International Hall of Fame. Nel 1997, CELLFOOD® è stato candidato all’unanimità da tutti gli Inventors Clubs in America per ricevere il Premio di Tecnologia Avanzata 1997, svoltosi presso l’International Hall of Fame ad Atlanta, Stati Uniti. CELLFOOD® ha ricevuto questo riconoscimento: (1) per la sua capacità unica di produrre sia ossigeno che idrogeno nascente all’interno del corpo, riuscendo così a pulire e ricostruire le cellule ed i tessuti del corpo, e (2) per la sua capacità unica di mantenere 78 elementi, minerali e minerali in traccia in sospensione liquida colloidale.

CELLFOOD® non è una medicina e nè la Nu Science Corporation nè EURODREAM srl, dichiarano che esso sia destinato alla cura, alla prevenzione, alla guarigione o al trattamento delle malattie. CELLFOOD® raggiunge i risultati perché fornisce al corpo la maggior parte delle materie prime di cui esso ha bisogno per funzionare in modo ottimale.

2.4 Cosa contiene CELLFOOD®?

CELLFOOD® è una formula colloidale altamente concentrata e super energetica di proprietà, contenente 78 elementi in traccia e minerali (34 derivati dalle piante fossilizzate prese in terra vergine e 44 dagli incontaminati Mari del Sud che circondano la Nuova Zelanda, ancora allo stato naturale e non raffinati), combinati con 34 enzimi, 17 aminoacidi, ossigeno disciolto ed a livello nascente, tutti tenuti in sospensione in una soluzione di Solfato di Deuterio (D2SO4). Come integratore minerale e alimentare completo, CELLFOOD® aumenta le attività biochimiche nutritive e restituisce al nostro corpo quello che la tecnologia e lo stile di vita moderno gli stanno portando via.

2.5 Qual è il suo grado di purezza?

Tutti gli elementi contenuti in CELLFOOD® sono sostanze naturali. CELLFOOD® non contiene alcool, né glucosio, né ingredienti presenti nella lista delle sostanze vietate dalle associazioni atletiche internazionali. I componenti di CELLFOOD® derivano solo da fonti naturali, vengono estratti criogenicamente (con la tecnica del freddo) e non chimicamente – e sono assolutamente atossici. Se qualcuno è allergico ad una sostanza, p.es. al silicio, e vuole prendere CELLFOOD®, è molto improbabile che gli provochi reazioni nocive, comunque le persone che soffrono di allergie dovrebbero contattare un medico che conosca CELLFOOD®.

2.6 CELLFOOD® è una medicina?

CELLFOOD® non è una medicina e né la Nu Science Corporation U.S.A., nè EURODREAM srl dichiarano che il prodotto sia una sostanza medicinale volta alla cura, prevenzione o mitigazione della malattia. Questa è la ragione per cui non vengono pubblicati test clinici come si fa con le medicine. Con la medicina, c’è una relazione di causa ed effetto, in base alla quale la Medicina A produrrà l’Effetto B ed i test clinici possono provarlo. CELLFOOD® è un integratore alimentare ed agisce in base all’individuo, cominciando a lavorare dove è necessario.
Per questo motivo, dato che ognuno di noi è diverso dagli altri non possiamo provare che CELLFOOD® abbia un’azione specifica. Tuttavia, possiamo divulgare a tutti le esperienze ed i benefici delle persone che lo hanno provato e ci sono migliaia di testimoni in tutto il mondo.

A proposito dell’importanza della nutrizione, nel 500 a.C., Ippocrate, il padre della medicina, affermò: “fate che il cibo sia la vostra medicina e la medicina sia il vostro cibo.” Fortunatamente al giorno d’oggi un numero sempre maggiore di persone sta tornando a questa saggezza, riconoscendo l’importanza di una corretta alimentazione ed il fatto che quest’ultima sia strettamente correlata alla salute.

2.7 Per quanto tempo si conserva CELLFOOD®?

La durata è indefinita. Test recenti su campioni di 25 anni fa hanno dimostrato un miglioramento nella potenza del prodotto. CELLFOOD® è preparato in base ad una formula sorprendente ed è una soluzione molto acida (pH 0.3). Ciò assicura l’assenza di batteri nocivi, agenti patogeni, ecc., che possano contaminarlo. (vedi il punto 3.4 per maggiori informazioni).

3 COME FUNZIONA CELLFOOD®?

3.1 Come viene assorbito CELLFOOD® dal corpo? Gli elementi nutritivi contenuti in CELLFOOD® sono in forma colloidale. Le particelle colloidali sono piccolissime (4-7 nanometri di diametro) ed a causa del Fenomeno del Moto Browniano assumono una carica negativa (ionica) rimanendo sospese nel liquido. Poiché la maggior parte dei fluidi del corpo sono colloidali e caricati negativamente, il corpo percepisce CELLFOOD® come un qualsiasi altro fluido corporeo e permette agli elementi nutritivi in esso contenuti di passare direttamente nel flusso sanguigno tramite le membrane sensorie della bocca, della gola e dell’esofago.
Questo sistema di rilascio altamente efficace consente a più del 95% dei nutrienti contenuti in CELLFOOD® di essere rapidamente assorbiti, diventando immediatamente disponibili a livello cellulare. Si tratta di una percentuale molto elevata se la si confronta con quella dell’assorbimento delle compresse (25%) e delle capsule in gel (30%) che vengono assimilate attraverso il sistema digerente dopo che vari acidi le hanno decomposte. Inoltre poiché CELLFOOD® ha una formulazione colloidale, il suo essere simile ai fluidi corporei ne aumenta la biodisponibilità per tutte le cellule del corpo. Questo aumento nella disponibilità degli elementi nutritivi ed il notevole miglioramento dell’attività biochimica, consentono al corpo di funzionare meglio.

3.2. In che modo il CELLFOOD® fornisce ossigeno? CELLFOOD® permette all’ossigeno nascente di essere generato dalla scissione delle molecole d’acqua del corpo in atomi d’ossigeno e idrogeno nascente. Nascente significa “nato di nuovo” ed in termini biochimici, un nuovo atomo singoletto d’ossigeno è caricato negativamente (O–). I radicali liberi (che molti biochimici ritengono essere la causa primaria del processo d’invecchiamento e delle malattie degenerative) sono atomi d’ossigeno singoletto caricati positivamente (O++). L’atomo d’ossigeno nascente (O–) è attratto da (O++) formando, dove occorre, una molecola di ossigeno puro (O2) a livello cellulare, utile allo svolgimento di processi come la pulizia delle cellule, ad es. combinandosi con un singolo atomo di carbonio per formare il diossido di carbonio (CO2) che viene espulso attraverso il sistema respiratorio.

3.3. Che differenza c’è tra CELLFOOD® e gli altri prodotti a base d’ossigeno? Questi prodotti tendono a riempire il corpo d’ossigeno, creando spesso pericolosi radicali liberi. “Il rilascio di queste speci reattive dell’ossigeno dà come risultato un’azione ossidante dei sistemi biologici, come ad es. i lipidi che si trovano nelle membrane cellulari, e le proteine nei vasi sanguigni e nel tessuto del miocardio.” (I professori Ashim Ghatak e Mahesh Chandra: Medicina Complementare, p.13, vol. 4, n.1, 1998.)

CELLFOOD® è completamente diverso perché si lega ai pericolosi radicali liberi d’ossigeno, fornendo al corpo, in modo controllato e graduale, ossigeno immediatamente disponibile direttamente nelle cellule e solo dove è necessario. CELLFOOD® perciò non forma radicali liberi, anzi, fa sì che gli atomi di ossigeno singoletto dei radicali liberi siano neutralizzati.

Un altro meccanismo di difesa contro i radicali liberi è l’enzima catalasi. “La catalasi scinde il perossido d’idrogeno, un prodotto di scarto metabolico del corpo, e libera ossigeno che può essere utilizzato dal corpo.” (James F Balch, M.D. & Phillys A.Balch, C.N.C. Prescrizione per la Cura Nutritiva, Pagina 47, 1997). CELLFOOD® contiene l’enzima catalasi.

Se le persone usano altri prodotti a base di ossigeno, come l’ozono e l’acqua ossigenata, dovrebbero usare antiossidanti per minimizzare l’effetto dei radicali liberi che può essere provocato da un’assunzione eccessiva e troppo veloce di ossigeno da parte del corpo. Ovviamente, CELLFOOD® sarebbe ideale in questa situazione per normalizzare ed equilibrare il sistema.

3.4 In che modo CELLFOOD® equilibra il corpo?

Quando si parla di mantenere l’equilibrio di una persona, ci riferiamo a tutti i sistemi: fisici, elettrici, chimici, biologici, intellettuali, emotivi, psicologici, spirituali, eterei, metafisici e così via. CELLFOOD® è importante perché aiuta a riequilibrare una persona a quasi tutti i livelli. Un esempio potrebbe essere questo: CELLFOOD® agisce a livello fisico fornendo al corpo i minerali essenziali di cui ha bisogno per la ricostruzione; agisce a livello elettrico ed elettromagnetico aumentando le frequenze di vibrazione di tutti gli organi del corpo, potenzia il sistema immunitario e permette al sistema nervoso di funzionare più efficacemente; agisce anche a livello biologico migliorando i processi biologici naturali, come ad es. quelli digestivi e metabolici (grazie all’azione degli enzimi); ed agisce a livello chimico fornendo amminoacidi per la costruzione delle proteine.

Questi sono alcuni esempi, che hanno effetti significativi e benefici su tutti gli altri sistemi. Vedi il Japanese Report al punto 2.3.3.

CELLFOOD® inoltre, grazie alla sua formulazione esclusiva e benché sia preparato in soluzione molto acida, ovvero con pH 0,3 (vedi 2.7), non appena entra in contatto con gli enzimi della saliva, converte e neutralizza il pH dei fluidi della bocca portandolo a circa 7,0. I test eseguiti con cartine al tornasole hanno dimostrato che sia che uno sia acido o alcalino, CELLFOOD® immediatamente equilibra e normalizza il pH corporeo.

3.5 Che cosa succede all’idrogeno nascente?

Gli atomi d’idrogeno nascente vengono usati dal corpo per molte funzioni, come irrigare, costruire e rafforzare cellule ed organi; prevenire infiammazioni, promuovere l’osmosi, inumidire le superfici dei polmoni per la diffusione di gas e regolarizzare la temperatura corporea. L’idrogeno è essenziale per i processi di digestione, assimilazione ed eliminazione e per il trasporto di elementi nutritivi attraverso le arterie fino al cervello ed a tutti i tessuti del corpo. Una persona che pesa 80 kg. ha circa 7 kg d’idrogeno nel proprio corpo.

Il corpo di norma riceve idrogeno dall’acqua e da altri liquidi, dalla frutta e dalla verdura. Una carenza di idrogeno può condurre alla disidratazione – causando un’estrema secchezza ed un anomalo surriscaldamento dei nervi all’interno del corpo. A causa della disidratazione le sostanze nutrienti umide e grasse non vengono ben assimilate e ciò può portare contrazione del cervello, corrugamento del viso, secchezza delle mucose, crampi tendinei e muscolari.

La carenza d’idrogeno può causare gotta, reumatismi, confusione ed inadeguatezza mentale, rigidità del collo, irritazione cutanea, dolori alle articolazioni, escursioni termiche corporee, unghie spesse e irregolari, crampi, agitazione nervosa, desiderio smodato di narcotici o alcol, incapacità di trattenere le urine, predisposizione all’epilessia, emaciamento, ronzii o suoni auricolari, indebolimento dell’olfatto, lingua spessa e screpolata, mancanza di traspirazione, perdita della sete e forte preferenza per i cibi salati.

CELLFOOD® fornisce al corpo l’idrogeno nascente per combattere queste patologie.

3.6 Come deve essere assunto CELLFOOD®?

CELLFOOD® è un liquido concentrato da assumere per via orale mettendo un certo numero di gocce (vedi le istruzioni per l’uso) in ¼ di bicchiere di acqua purificata o distillata. Se usate l’acqua del rubinetto, CELLFOOD® inizia prima a purificare l’acqua ed il beneficio che ne riceverete sarà ridotto. Non si dovrebbe usare acqua bollita. CELLFOOD® sa lievemente di limone, ma se questo sapore vi risulta sgradevole, usate una maggiore quantità di acqua oppure diluitelo in succo di uva o di carota. Alcune persone preferiscono prendere CELLFOOD® puro mettendone qualche goccia nel palmo della mano per poi leccarlo. Come spiegato nel punto 3.4, il sapore forte cambia rapidamente e si neutralizza. Vedi anche 4.3 riguardo agli usi in caso di emergenza.

3.7 Qual è il dosaggio ottimale di CELLFOOD®?

La quantità di CELLFOOD® che dovete assumere dipende dalle vostre esigenze. Ogni persona ha esigenze diverse e poiché CELLFOOD® è un integratore alimentare, ognuno ha reazioni diverse assumendo il prodotto. La maggior parte delle persone prende 12 gocce come prima cosa alla mattina.

Iniziate con 8 gocce al mattino. A seconda del risultato che otterrete potete ridurre o aumentare la dose. Se ne prendete meno il processo di disintossicazione sarà più lento, al contrario accelererà.

Se non vedete differenze prendendo 8 gocce al giorno, allora aumentate il dosaggio a 10, 12, 15, 20 gocce, finché non avvertirete dei risultati.

Non c’è pericolo di un iper dosaggio: CELLFOOD® è costituito essenzialmente da sostanze naturali. Il corpo usa solo quello di cui ha bisogno ed elimina il rimanente attraverso i normali canali d’eliminazione.

3.8 Quando si deve prendere il CELLFOOD®?

CELLFOOD® può essere preso sempre. Molti lo prendono prima di lavarsi i denti al mattino o prima di mangiare. Chi soffre di cattiva digestione dopo aver mangiato cibi pesanti, lo prende prima o dopo il pasto perché combatte l’indigestione (probabilmente gli enzimi digestivi funzionano).

Chi dorme male lo prende prima di andare a letto, scoprendo alla mattina di aver dormito bene (probabilmente l’ossigeno prodotto durante il sonno impedisce che la persona si svegli senza respiro).

Alcuni lo prendono prima delle competizioni sportive, per avere maggiore energia e facilitare l’eliminazione dell’acido lattico.

Qualcuno prende piccole dosi tre o più volte al giorno per superare un raffreddore o condizioni di stress.

3.9 Con che frequenza si prende?

Potete prendere tranquillamente tutte le volte che ne avete bisogno. Ascoltate le richieste del vostro corpo e prendete CELLFOOD® quando sentite di averne bisogno. Alcune persone prendono CELLFOOD® una sola volta al giorno la mattina appena alzati. Quando vi sentite giù di corda o stressati, prendetelo due o tre volte al giorno. Se dovete fare qualche lavoro pesante, un’attività sportiva, dovete stare alzati la notte per lavorare, dovete guidare o intrattenere ospiti, ecc., prendetene una dose extra ed aiuterete il vostro corpo ad acquistare una maggiore energia.

3.10 Cosa accade quando si prende CELLFOOD®?

La prima volta che prendete CELLFOOD®, potreste provare gli effetti marcati di una certa forma di disintossicazione che si manifesta con disturbi intestinali, maggiore frequenza nell’urinare, una leggera nausea, un po’ di mal di testa e con la produzione di scorie.

Poiché il corpo riceve un flusso costante di elementi essenziali di cui necessita per rinforzarsi, c’è un aumento della forza vitale che gli permette di “sciogliere” gli scarti e le tossine che si sono accumulate con il passare degli anni nei tessuti, nelle cellule e negli organi e di eliminarli in varie forme, ad esempio sotto forma di muco o flemma.

E’ molto importante essere sottoposti a questo processo di disintossicazione (che può durare da 1 a 7 giorni) perché anche se vi sentirete a disagio, in seguito avrete modo di sperimentare un nuovo livello di vitalità. Il processo di disintossicazione può essere detto anche “crisi di guarigione”, ovvero un’improvvisa ed acuta reazione causata dal potenziamento dei livelli energetici del corpo che favorisce l’eliminazione delle tossine accumulate col passare degli anni. Un uso regolare di CELLFOOD® aiuterà a rinforzare il corpo e ad eliminare le tossine.

Dite sempre che con CELLFOOD® si inizia il processo di purificazione attraverso l’eliminazione delle tossine. Se tuttavia, la persona che assume il prodotto non riesce a tollerare gli effetti della disintossicazione, dovrebbe chiedere consiglio ad un medico che conosca perfettamente questo processo. E’ sempre un peccato interrompere l’assunzione di CELLFOOD®, ma questo significa che non si è ancora pronti ad effettuare la pulizia del corpo.

Conoscere la Legge di Hering sulla Cura potrebbe aiutare chi vuole smettere a continuare; ed è molto importante capire la differenza tra “guarigione” e “malattia”. Il famoso omeopata Costantino Hering, ha fatto una chiara distinzione tra i sintomi di una crisi dovuta alla malattia e quelli di una crisi di guarigione. Purtroppo a causa della nostra ignoranza confondiamo un processo di guarigione con un processo di malattia e lo ostacoliamo con l’assunzione di farmaci. Tutto ciò non fa altro che rendere il corpo più debole e più vulnerabile nei confronti della malattia.

La Legge di Hering afferma: “Tutte le cure cominciano dall’interno del corpo verso l’esterno, dal livello mentale al livello fisico, dalla testa verso il resto del corpo, dagli organi vitali a quelli meno importanti ed in ordine opposto rispetto ai sintomi che si sono manifestati”.

Quando una persona sperimenta la crisi di guarigione, è essenziale assistere tale processo per promuovere l’eliminazione delle tossine e delle componenti malate che possono manifestarsi sotto forma di flemma, catarro, muco, secrezione nasale, tonsillite, febbre, ecc. Questo è il modo in cui la natura rimette a posto le cose; e tali manifestazioni vengon anche dette “processo di inversione”. Qualsiasi cosa sia stata ”trattenuta” nel corpo per anni (come le malattie infantili tenute a bada con i medicinali) si scioglie e viene rimossa attraverso i normali canali d’eliminazione. Man mano che il corpo si purifica, è possibile che si instauri inaspettatamente un altro processo di purificazione. Potreste incorrere in altre crisi di guarigione nel corso del tempo, ed ogni volta che le tossine vengono eliminate, potrete sperimentare nuovi livelli di vitalità e salute.
Se qualcuno non ottiene risultati e non avviene la disintossicazione in seguito all’assunzione di CELLFOOD®, significa che il prodotto sta funzionando in “maniera silenziosa”.

Cosa accade se non si hanno risultati?

A volte non ci si rende conto che CELLFOOD® agisce profondamente a livello cellulare dove necessario. E dal momento che non si è consapevoli di ciò che sta accadendo, si potrebbe pensare che CELLFOOD® non funzioni. Alcune persone che all’inizio non vedevano risultati dopo l’assunzione del prodotto, in seguito a controlli medici di routine, videro che i livelli di colesterolo e della pressione sanguigna si erano abbassati significativamente. Sono stati anche riportati la normalizzazione dell’acido urico e della glicemia. Un altro caso documentato in cui CELLFOOD® si è dimostrato efficace a livelli cellulari profondi, senza che la persona che lo stava assumendo se ne accorgesse, è stato il rafforzamento del suo sistema immunitario.

Dato che CELLFOOD® funziona in modo naturale normalizzando ed equilibrando il corpo, dobbiamo incoraggiare i consumatori a continuarne l’assunzione ed a percepire meglio gli effetti meno evidenti ma più significativi sul loro corpo. Un modo sicuro per capire i risultati di CELLFOOD® è fare un confronto fra le analisi del sangue prima e dopo l’assunzione di CELLFOOD®. Si vedrà chiaramente che il prodotto ha normalizzato e riequilibrato tutti i sistemi del corpo facilitando il rinnovamento a livello cellulare profondo.

Il Japanese Report (2.2.3.) dimostra che CELLFOOD® funziona su vari livelli del corpo nello stesso tempo. Dato che il prodotto “lavora” su ogni singolo individuo secondo le sue specifiche esigenze, spesso lo fa “in maniera silenziosa” magari in una parte del corpo che la persona non riesce a percepire.

Invece di spiegare che CELLFOOD® agisce in maniera prioritaria solo dove è necessario ed a livelli cellulari profondi normalizzando ed equilibrando tutti i sistemi, qualcuno insisterà ancora che non si ottengono risultati e che perciò CELLFOOD® non funziona. In questo caso, vi consigliamo di controllare quanto segue:

  1. Chiedete dove viene conservato il flacone. Alcuni lo tengono sopra il forno a microonde o nella borsetta vicino al cellulare. In questi casi i campi elettrici possono aver ridotto l’efficacia di CELLFOOD®. A causa del legame ionico presente in CELLFOOD®, questo deve essere tenuto lontano da ogni apparecchio elettrico che emetta campi elettromagnetici.
  2. Chiedete in che modo la persona prende CELLFOOD®. Qualcuno l’ha messo nel caffé a colazione. Per ottenere i migliori risultati CELLFOOD® dovrebbe essere preso con acqua pura, almeno 10 15 minuti prima dei pasti.
  3. Con quale tipo di acqua viene assunto.
  4. Chiedete il dosaggio che stanno assumendo. Qualcuno prende 8 gocce tre volte al giorno senza risultati evidenti. Come già spiegato in precedenza, il consumatore non si accorge dell’azione di CELLFOOD® in una qualche parte del suo corpo e dato il basso dosaggio, non riesce a trarne beneficio. Suggerite di aumentare il dosaggio (2 gocce in più ogni 3 giorni) sino a quando non nota dei miglioramenti. In seguito si può diminuire il dosaggio sino a mantenere un livello di 8 gocce tre volte al giorno.

Infine, se la persona è scettica, suggerite di interrompere l’assunzione di CELLFOOD® e di vedere se ci sono cambiamenti. Spesso, quando una persona smette, si accorge di un calo di energia e di lucidità mentale.

Per avere il libricino completo scrivere a:

info@eurodream.net

Lo studio condotto dall’unità di ricerca del Prof Franco Canestrari presso l’Università di Urbino “Carlo Bo” (Sezione di Biochimica Clinica, Dipartimento di Scienze Biomolecolari) ha investigato per la prima volta le proprietà antiossidanti di CELLFOOD (CF), valutando l’efficacia protettiva di questo integratore nei confronti di alcune specie ossidanti (perossido di idrogeno, perossiradicali e acido ipocloroso) comunemente responsabili di danni a molecole e cellule del nostro organismo. A tal fine, i bersagli dell’ossidazione in vitro sono stati: il glutatione (il maggior antiossidante cellulare), il DNA (l’acido nucleico depositario dell’informazione genetica), i globuli rossi e i linfociti (due popolazioni cellulari circolanti nel sangue).

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica internazionale Food and Chemical Toxicology [Benedetti S, Catalani S, Palma F, Canestrari F. The antioxidant protection of Cellfood® against oxidative damage in vitro. Food Chem Toxicol 2011; 49: 2292-98] e possono essere così riassunti:

1) CF protegge efficacemente il glutatione dall’ossidazione e dal consumo in presenza di specie ossidanti; in questo modo CF permette di preservare un antiossidante fondamentale per le funzioni cellulari, essendo deputato al mantenimento dell’equilibrio ossidativo intracellulare.

2) L’effetto protettivo di CF si estende anche al DNA, riducendo gli effetti genotossici degli agenti ossidanti. Tale azione può avere grande rilevanza nel caso del DNA mitocondriale che è direttamente esposto all’azione delle specie ossidanti prodotte durante la respirazione cellulare. E’ stato infatti dimostrato che il danno ossidativo al DNA mitocondriale è implicato nel processo di senescenza fisiologica e in alcuni disordini degenerativi. La supplementazione con CF potrebbe dunque svolgere un ruolo protettivo in tutti quei disordini associati alle disfunzioni mitocondriali, come si è già osservato nella sindrome fibromialgica.

3) CF protegge efficacemente i globuli rossi dall’emolisi (rottura della cellula in seguito ad ossidazione) preservando allo stesso tempo le difese antiossidanti cellulari dalla deplezione. Queste evidenze possono avere un’importante rilevanza in ambito sportivo: infatti, durante l’esercizio fisico intenso viene prodotta una maggior quantità di specie ossidanti e poiché i meccanismi di riparo dei globuli rossi sono limitati, si possono accumulare lesioni ossidative con conseguente lisi cellulare e insorgenza di uno stato anemico. La protezione di CF nei confronti del danno ossidativo ai globuli rossi potrebbe dunque essere un utile strumento nel contrastare l’anemia dell’atleta e potrebbe spiegare alcuni degli effetti positivi di CF in atleti professionisti.

4) L’azione protettiva di CF è stata evidenziata anche nei linfociti, cellule coinvolte nella risposta immunitaria che normalmente sono soggette a stress ossidativo nell’organismo. Anche in questo modello sperimentale è stato osservato che CF è capace di ridurre la formazione di radicali liberi tossici all’interno della cellula in seguito all’esposizione alle specie ossidanti.

In conclusione, tutti i dati emersi dallo studio hanno dimostrato in maniera uniforme l’azione protettiva antiossidante di CELLFOOD, rendendolo un valido nutraceutico come supporto alle terapie e protocolli standard convenzionali nella prevenzione e nel trattamento di numerose condizioni fisiopatologiche legate allo stress ossidativo, dall’invecchiamento all’anemia dello sportivo, dalla sindrome fibromialgica al rischio cardiovascolare, dai disordini neurodegenerativi al cancro.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=CELLFOOD

Le informazioni intendono essere o avere indirizzo di trattamento e cura di malattia. Qualsiasi patologia deve essere trattata da un medico di comprovata esperienza. Non intende essere indicazione di trattamento o cura. Trattasi di integrazione alimentare nutraceutica.
Per informazioni:

info@eurodream.net

1. E’ un potente “spazzino” di radicali liberi. Cosa evidente, per esempio, nei casi di pazienti che si sottopongono a sedute di chemioterapia e / o radiazioni. Questi infatti sostengono di non avere effetti collaterali dopo le sessioni. I risultati sembrano essere particolarmente buoni a livello di nausee, perdita di peso e di capelli.

2. E’ un catalizzatore metabolico. Ciò significa che migliora l’ assorbimento delle sostanze nutritive e aumenta il metabolismo di scarto.Il corpo assimila più sostanze nutritive dagli alimenti e integratori consumati perché gli enzimi attivati dai minerali in traccia (metabolici e digestivi ), lavorano con più efficienza. La forte attività catalitica di CELLFOOD fa si che i dosaggi medicinali nelle terapie diminuiscano, favorisce il maggiore assorbimento delle sostanze nutritive e rende più disponibili vitamine, erbe e altri elementi nutritivi.

3. Potenzia l’ energia . Con le riserve di energia che CELLFOOD mette a disposizione, si attua una graduale ma notevole disintossicazione a livello cellulare che permette al corpo di funzionare in modo più efficiente e, col tempo, di incrementare i livelli di energia. L’ elemento traccia che sostiene le funzioni del sistema digestivo, nervoso e endocrino può contribuire a far aumentare i livelli di energia nell’ insieme, dare sollievo dalle allergie e far diminuire la richiesta di sonno.

4. E’ un disintossicante. Quando si prende il CELLFOOD e il potenziale d’ energia cresce, i meccanismi naturali del corpo fanno si che anche il metabolismo di scarto aumenti. Questo comporta una serie di sintomi : emicranie, indolenzimenti, eruzioni cutanee, il ripresentarsi di sintomi passati, soprattutto se la disintossicazione avviene troppo rapidamente e i canali di eliminazione del corpo sono congestionati.

5. È in grado di riequilibrare il metabolismo del corpo. CELLFOOD ha una carica elettrostatica elevata, la sua soluzione di-base ha valenza bi-polare, crea perciò un approccio dualistico di guarigione dei tessuti disarmonici, in situazioni di squilibrio sia anabolico che catabolico.

6. È un agente ricicatrizzante superiore. Agisce come un donatore di elettrone libero Riparando i tessuti al contatto a livello cellulare. Si sono riscontrati risultati molto Soddisfacenti nella cura di verruche, nei, altre anomalie epidermiche, piede d’ atleta, micosi, ulcere diabetiche e melanomi.

7. Purifica l’ acqua. E’ stato usato per la prima volta nel 1956 per rendere potabile l’ acqua delle Forze Armate. Gli effetti batteriostatici e flocculanti possono essere osservati versando due gocce della sostanza in 6 litri d’ acqua e lasciando riposare dalle 4 alle 8 ore. Il risultato è acqua potabile.

8. CELLFOOD è stabilizzato. La sostanza migliora con il tempo. La luce del sole non fa altro che caricare il suo potenziale energetico. Le onde elettromagnetiche non hanno nessuna influenza sulil CELLFOOD.

9. È un prodotto straordinario. Non ci sono segreti sull’ efficacia dei minerali in traccia ed i “micronutrients”. Il segreto sta nelle cognizioni scientifiche usate per catturare, combinare e concentrare questi elementi in una semplice goccia da prendere in acqua. Proprio perché gli elementi costituenti il CELLFOOD sono in forma ionica a sospensione colloidale, la sostanza ha il compito di reintegrare i valori di queste sostanze nutritive nel sangue e di accrescere il beneficio metabolico di altri integratori e nutrimenti, nonché di contribuire all’ eliminazione di tossine e scarti tossici dal corpo.

Per informazioni:

info@eurodream.net

Scarica la brochure di CellFood gocce
Oncologia & ipossia.pdf
Presentazione della Dott.ssa Serena Benedetti.pdf
Efficacia Cellfood in pazienti sottoposti a terapia chelante
Acquista CellFood online